Domenica, 24 Mar 2019
PDF Stampa E-mail
Mercoledì 11 Gennaio 2012 13:09

Ed i pesci stanno a guardare

 

"...Era il 1977 quando un team del museo di storia naturale di Verona inizio' a condurre studi sistematici su dei ritrovamenti sporadici di organismi fossili di origine marina. ..."

Cosi' recita grosso modo un articolo apparso negli scorsi giorni sulla Gazzetta del Mezzogiorno, in cui si discute della scarsa attenzione che i neretini e, a più ampio raggio i salentini in generale, hanno sin ora rivolto al patrimonio fossiliero rinvenuto nel giacimento di Nardo'.

Tale interesse è ancor piu' "evindente" se si pensa che i 53 reperti dei circa 1500 scoperti recuperati e studiati durante gli scavi condotti a partire dalla fine degli anni 70, tra gli altri, dagli studiosi del Museo Civico di Storia Naturale di Verona ed esposti fino allo scorso ottobre 2011 nei locali del Museo Didattico del Gruppo Speleologico Neretino per concessione dell'Amministrazione Comunale di Nardo', I fossili esposti sono tornati negli scatoloni a causa dell'imminente, cosi' ci veniva detto (era l'ottobre 2011), trasferimento della sede del GSN presso una struttura adeguata ad alle esigenze espositive museali e bibliotecarie indispensabili ad una corretta fruizione e conservazione del patrimonio storico e scientifico del GSN messo a disposizione di tutti; trasferimento questo resosi necessario a causa dei lavori di ristrutturazione che stanno interessando il Monastero dei Monaci Carmelitani attuale sede del gruppo.

E cosi' che, come dicevamo, si puo' leggere di studi condotti dal prof. Louis Taverne dell'Universita' libera di Bruxelles e pubblicati sul bollettino del Museo Civico di Storia Naturale di verona; oppure ancora si puo' "sentir parlare" di Nardoveliver Altipinnis  o di Pycnodus Nardoensis senza nemmeno immaginare che si tratta di forme di vita vissute milioni di anni fa' sulle nostre terre, allora sommerse, e mai ritrovate altrove nel mondo e definite quindi quali olotipo della specie.

Continuiamo a meravigliarci quindi delle meraviglie che vediamo in tv o nei musei in giro per il mondo ma non apprezziamo, o quanto meno non nel modo in cui dovremmo, cio' che ha abitato le nostre terre ricche di storia e di storie.


Link:

Articolo de La Gazzetta del Mezzogiorno

Il patrimonio naturalistico e fossiliero di Nardo'

Museo Civico di Storia Naturale di Verona

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

 

Google